x

You are using an outdated browser. Please upgrade your browser to improve your ReverbNation experience.

Verney 1826 / Blog

New "Ex Libris" Review

After a year from the antecedent full-length published by Shinto Records and after the split "Reclusion Of Sun & Moon: Archive III" issued by SkullLine, here's the recurrence of the Berliner solo-act Verney 1826 who reaffirms his fertile creativity and the solid construction process that characterize his project since 2009: comprehensive news about the musician are available on Vox Empirea within the review section dated 2012, an area in which the interested reader will find a long description of the album "Silence Du Tombeau" as well as the Verney's full biography and discography. The new release "Ex Libris", published in 2013 by the Duisburg based label Lichterklang, is a continuation of the serial "Beyond The Mirror Of Time", the neoclassical-compilation fired in 2011 by Shelley Schellack: the sonic contents of the newest record enhance in even more sublime way that once the Lionel Verney's passion regarding the old Authors who have influenced and fed his fantasies, as well as the love of our protagonist towards an unified nusic style that incorporates neoclassical, ethereal , dark-ambient, dark-folk, world and gothic elements, finalizing twelve tracks mastered by Axel Frank - aka Werkraum - , a member of the neofolkish-acoustic platforms called Sturmpercht and Theben Is Torched, and also the percussionist of the martial-industrial project Triarii. The new tracklist propagate different musicality and different atmospheres: each of them corresponds to the specific characters, to the historical epoch and to the readings individually treated in the song's concept: all the lyrics, therefore, often evoke quotations belonging to the famous poets and novelists of the past Centuries. The full-lenght is available in three different versions, one of which as "regular" and the following ones as limited-edition formats: more specifically, the first of these contains the contributions given by the underground musicians, The Victim's Ball, Anna Aliena and Schattenspiel, while the second one, published in even more limited number, contains an extra bonus-CDr of six episodes wich includes the collaborations provided by the mentioned artist The Victim's Ball as well as Protea and Friends Of Alice Ivy. In addition to these guests just listed, the album credits report the vocal contributions by Leif Allendorf, a Verney's friend and valued independent film-maker, unchanged at Greg A. Jones, he too Verney's friend and video-realizer, as well as the singer Joanne Missen. The first song in order into the tracklist of "Ex Libris" is entitled "The Beggar's Opera", a dark-folk/neoclassical episode inspired by the satirical creations conceived by the English poet and playwright John Gay, active in the 18th Century: the song, vocally supported by The Victim's Ball, alias the Italian-Australian Roberto Massaglia, solo-project devoted to neoclassical/ baroque/ goth-rock genres, is enriched by a deep chant harmoniously combined with militaristic drumming, with the solemn slowness keyboard's orchestrations, with the feminine choral refrain and with the crystalline arpeggios that decorate the structures...

... In "Ex Libris", the music configuration is a triumph of classicism, mystery, darkness, adventure, poetry, aesthetics and love for the old literature, a mesmerizing retrospective of sounds and chimeric projections of events on the backdrop of a passion for what is historically intriguing and indelibly expressive: by this release you walk through the boundaries of Time moving incorporeally in its wonderful centrality, assimilating every note, every moment, every tale. And now, are you still able to distinguish between reality and imagination?

Read the full text at http://www.voxempirea.com/en/rece2013en.php#v

"Ex Libris" Review Heathen Harvest

Drawing on inspiration from virtually every corner of the world of literary and performance arts, Lionel Verney & friends have managed to create something with Verney 1826 that is both bewitchingly exquisite and unexpectedly unique amidst the backdrop of prosaic tedium that has become commonplace in the martial-influenced neoclassical genre. Though the project has only been present within that spectrum for a mere five years, they have already amassed an impressive catalog of releases, half of which were exclusively curated by the American label Shinto Records (now House Shinto) in their first three years of existence between 2009 and 2011. It’s around the time that Shinto took a turn towards digital releases that Verney 1826 looked for support elsewhere, and ended up with such other homes as SkullLine, Catgirl Records Historical, Shelley Schellack (the band’s own imprint), and now Germany’s Lichterklang. While there have always been historical and artistic influences behind Verney 1826′s previous works, they appear to have taken it a step further with Ex Libris by creating a compendium of tracks that are each individually influenced by a different piece of literature, as can be immediately evidenced by the title of the album (From Books).

...

Depending on the subject matter, if you’re familiar with what is at hand, then you’ll recognize that each track appears to quite literally mirror the time period and the mood of the text being explored. “Henry IV”, for example, follows an impressively performed medieval path through highly melodic instrumentation and familiar drawn-back, simple percussion, while the operatic female vocals of “Lúthien” weave about the calm, pastoral light-heartedness of Tolkien’s brilliant romantic twilight vision of Lúthien and Beren. From reliving the mystic Eastern atmosphere of rural World War II-era Japan in “Fireflies” (Grave of the Fireflies by Akiyuki Nosaka) to exploring the mysterious nature surrounding “Mrs. de Winter” (to those whom have read the novel Rebecca by Daphne du Maurier, this track is presumably representative of the first/original Mrs. de Winter, considering the haunting, unnerving melodic line repeated through the song), each song has its own character and approach as with a compilation, with no two songs ever repeating in similar structure.

Those who know me best know that I’m usually genuinely hard on artists whom attempt to be part of this genre. There are too many out there whom think that a few synth layers that repeat over the course of an entire album, the most basic of percussion and some vague themes are a decent enough equation to consider yourself as a valid artist. That said, with Verney 1826, I don’t know what’s more impressive — their will to create music that is consistently varied with a mature, instrumental prowess to accompany every moment of it, or their ability to so accurately project literary characters and moments into an aural manifestation. Whichever way you swing that pendulum, Verney 1826 is one of the more promising artists to come out of this side of the neoclassical genre in some time, and I can only hope that other newcomers take it upon themselves to follow suit.

Rating: 4.75/5 Written by: Sage

http://heathenharvest.org/2013/07/21/verney-1826-ex-libris/

"Ex Libris" Review @ Darkroom Magazine

Fra gli svariati act che abbiamo avuto la fortuna di conoscere a fondo e che con la nostra rivista hanno stretto un rapporto di fiducia vi è senza dubbio Verney 1826, progetto tedesco che abbiamo avuto il piacere di trattare a più riprese, l'ultima delle quali lo scorso dicembre in occasione del limitatissimo EP "Quadriga". Accasatosi per l'occasione presso la Lichterklang, l'act guidato da Lionel Verney giunge al traguardo del quarto full-length, realizzato dalla label tedesca in 300 copie: 260 in edizione regolare jewel-case, 40 in una speciale confezione di velluto con bonus-CDr a sei tracce e cartolina scritta a mano. Il nuovo lavoro, sempre magnificamente legato a quelle sonorità neoclassiche dal gusto marziale che Lionel padroneggia ormai ad occhi chiusi, si propone come una collezione di brani legati ciascuno ad un libro o ad un autore (si va da Shakespeare a Tolkien, da Verne ad Umberto Eco ed il suo celeberrimo "Il Nome Della Rosa", e via discorrendo), per quello che lo stesso Lionel individua come un sequel alla splendida compilation "Beyond The Mirror Of Time", prodotta dalla sua etichetta Shelley Schellack nel 2011. Prerogative come di consueto importanti per un lavoro che gode delle fondamentali presenze di una piccola ma significativa schiera di artisti/amici, chiamati a completare il disegno di Lionel: i The Victim's Ball dell'italiano Roberto Massaglia, la singer Anna Aliena e Schattenspiel (act di cui lo stesso mastermind tedesco fa ormai stabilmente parte). Tutti elementi che concorrono a fare di "Ex Libris" l'opera più ispirata e riuscita di Verney 1826, fatto che appare chiaro già dall'opener "The Beggar's Opera" (primo dei due brani scritti assieme al già citato Roberto Massaglia), marziale e maestosa. La marzialità si manifesta finemente sottile in "Lúthien" (dove la bella voce di Anna Aliena apporta il giusto spirito lirico), più drammatica e plumbea in "To The Moon" e più tesa e severa nella conclusiva "Ruhe Vor Dem Sturm" (realizzata con Schattenspiel), senza mai prendere il sopravvento sull'animo sinfonico che guida il progetto di Lionel, onde scongiurare il rischio di accodarsi ai canoni martial/industrial più in voga al momento. La bellezza del suono di Verney 1826 emerge in tutto il suo ricercato splendore in ogni frangente, dalle dolci melodie antiche di "Henry IV" ai toni barocchi del clavicembalo di "Der Gefangene Von Chillon", dal triste piano in coda ad "Alles Still" (ancora con Anna Aliena, stavolta attraverso spoken words) al caos controllato di "L'Eternal Adam". Ma è la parte centrale dell'opera a raggiungere le vette più alte mai toccate da Verney 1826: l'eccelsa "Penitenziagite!" gode di un magistrale crescendo d'intensità barocco e della teatralità vocale di Roberto Massaglia (che confeziona degli spoken words in italiano, oltre che in latino), ed anche l'inquietante e cupa "Mr. De Winter" sfodera un possente crescendo; semplicemente magnifico l'intreccio melodico di "Fireflies", antico ed esotico, mentre "Mrs. De Winter" è l'episodio dai toni più squisitamente notturni ed oscuri di tutto l'album. Se non avevamo più alcun dubbio sulle capacità realizzative e sul gusto melodico e compositivo del mastermind tedesco, ci rallegriamo di come egli sia riuscito a trovare la necessaria ispirazione per superarsi, realizzando la sua opera più completa e meglio prodotta a tutti i livelli: non è davvero più il caso di nutrire dubbi su di un act di siffatta caratura, se eravate fra quelli che ancora ne avevano.

Roberto Alessandro Filippozzi

http://www.darkroom-magazine.it/ita/105/Recensione.php?r=2701

Rezension "Ex Libris" @ : IKONEN :

Die neoklassische Gothicband Verney 1826 präsentiert nach einigen kleineren Veröffentlichungen nun ein eigenständiges und gereiftes Werk, das mit filigranen Melodien, klassischen Gesangseinlagen und einem starken Konzept überzeugt: Alle Stücke auf "Ex Libris" sind von Werken der Weltliteratur inspiriert - und so schließt dieses Album an das von Verney 1826 bereits initiierte Compilation-Album "Beyond the Mirror of Time" an.

Das mit Victim's Ball zusammen erstellte Intro bietet eine stimmungsvolle Basis und bezieht sich auf die satirischen Werke von John Gay aus dem 18. Jahrhundert.

Mit "Henry IV" liegt der erste Höhepunkt des Albums vor: Zu einem eingängigen Thema entfalten die geheimnisvoll wispernden Vocals die Welt von Shakespeares ambivalenten Helden.

Mit dem auf J.R.R. Tolkien basierenden „Lúthien“ erklingt die klassische Stimme von Anna Aliena, die man bereits von vorangehenden Alben kennt. Ein schönes Liebeslied voll romantischem Pathos. Abgeklärter und düsterer kommt „To The Moon“ daher, eine Hommage an Jules Vernes "Reise zum Mond". Dieses Stück verweist auch auf eine kommende Jules-Verne-Compilation, die um die Band entsteht.

Die Gothic-Wurzeln der Band werden umso deutlicher in dem Umberto Eco gewidmeten „Penitenziagite!“ Wer Fields of the Nephilims Gothrock-Klassiker kennt, wird diesen Ausspruch aus "Der Name der Rose" bereits als Filmsample gehört haben (im ersten Track), und hier wird er sorgsam in seine Quelle zurückgeführt. Mit dezentem Piano, Spinett und lateinischen Vocals arrangiert man eine Musik, die heute selten geworden ist - eine schwarzromantische Beschwörung. Hier fällt auch der gelungene Stimmeinsatz von Lionel Verney auf.

„Mr. De Winter" und "Mrs De Winter“ knüpfen an diese Linie an und rekonstruieren die Vergangenheit der Prontagonisten aus Daphne du Mauriers "Rebecca" - soundtrackartig, mit atmosphärischen Samples, irgendwo zwischen In the Nursery und Collection d'Arnell-Andrea, geisterhaft im zweiten Fall.

Eine Graphic Novel von Akiyuki Nosaka lag „Fireflies“ zugrunde, einem Kinderschicksal aus Japan nach der Bombe. Hier dominieren asiatische Klänge und traditionelle Instrumente.

"Der Gefangene von Chillon" präsentiert eine Rezitation von Lord Byrons Gedicht, ungewöhnlich in deutscher Übersetzung und mit Spinett und Choralsamples zum Pathos gesteigert. "Alles Still" adaptiert Theodor Fontanes morbides Gedicht in männlich-weiblichem Rezitativ. „L’Eternal Adam“ kehrt dann mit postindustriellen Sounds zu Jules Verne zurück, fast martialische in den mächtigen Trommeln. "Die Ruhe vor dem Sturm" schließt das Album martialisch-düster ab - ein Sturm zieht auf am Horizont. Erfreulich, wenn es ein nächstes Werk ist, das dieses Konzept fortführt.

Auffällig an "Ex Libris" ist das komplexe instrumentelle Arrangement, die Varianz der Stimmen - die hier besser als zuvor gemischt wurden -, überhaupt das liebevolle Gesamtkunstwerk-Konzept. Man hätte sich ein aufwändigeres Booklet und Cover dazu gewünscht. Für das Label Lichterklang eine erfreuliche Neuveröffentlichung, die eine musikalische Tradition von schwarzromantischem Tiefsinn aufrecht hält, die fast vergessen scheint.

:ms:

"Silence du Tombeau" New Review

Sebbene sia passato un solo anno dal ben accolto "Sacrow", la creatura di Lionel Verney (al secolo Meiko Richert) torna sulle scene col terzo full-length, abbandonando la Shinto Records e passando sotto le cure della piccola Shelley Schellack, etichetta gestita dallo stesso mastermind del progetto tedesco. Integrata a tempo pieno Anna Aliena, ex-voce del duo ShirayasDream, e reclutati Vakna Roek (chitarra) ed Ivo (voce e fisarmonica in due brani), Lionel conduce il suono di Verney 1826 verso una dimensione ancor più intima, ombrosa e riflessiva, dismettendo certe vesti marziali e/o sinfoniche ed abbracciando lo spirito del 'silenzio del sepolcro', come il titolo ci vuole suggerire. Il suadente manto elettronico e le ariose melodie sintetiche garantiscono un'eleganza nelle movenze su cui una voce di stampo lirico qual è quella di Anna trova terreno fertile, come svela da subito nei suoi tratti vicini al trip-hop "The Death Of Innocence", e come ben ribadiscono "Sophia", "Choralshore" e "Dorian". Fine compositore ed assemblatore di campionamenti, Lionel amplia anche il proprio apporto vocale, risultando un ruvido e gradito contraltare quando le sue vocals si tingono d'asprezza (la sottile "Suum Cuique", l'austero dark-folk di "Baron P."), utile anche quando sono gli spoken words a rivestire un ruolo fondamentale nella narrazione concettuale dell'opera. Supportata dalla calzante produzione, questa terza fatica sulla lunga distanza (edita in CDr professionale in sole 50 copie) evidenzia con rinnovata forza la completezza del songwriting dai tratti scuri di Lionel, e non è quindi un caso imbattersi in una "The Golden Age" che profuma di Death In June, così come nella tetra "Ulalume", dilaniata da potenti bordate industriali; è tuttavia quell'intimismo oscuro già espresso con ottimi risultati in precedenza da Verney 1826 a colpire ancora una volta nel segno, e a dimostrarlo ci sono splendidi momenti come la profetica "Ruins Of Udolpho" o il requiem conclusivo "An Endlosen Gestaden Der Leere", ma non sono da meno "Sympathy", ben condotta tra campane e cori gregoriani, ed una "Caputh, Sommer 1932" che rimanda ad un dark-folk dalla notevole forza suggestiva. Sempre più consapevole del proprio talento compositivo, Lionel Verney prosegue nel suo cammino artistico attorniato da musicisti abili e funzionali alla causa, e l'impressione è che, una volta superate le ultime costrizioni mentali, il capolavoro sia alla portata del musicista tedesco: dal canto nostro, continuiamo con convinzione a suggerirvi di dedicare la dovuta attenzione alla bellezza oscura della musica di Verney 1826.

Roberto Alessandro Filippozzi

http://www.darkroom-magazine.it

"Silence du Tombeau" Review

Verney 1826 è l'one-man project del berlinese Lionel Verney, personaggio operativo dal 1991 nella vasta area ethereal-dark-ambient / gothic / neoclassical / dark-folk e fautore di una discografia collegata in riprese alternate alla Shinto Records, label con base a Minneapolis, ed alla Shelley Schellack, quest'ultima di proprietà dello stesso Verney. Le composizioni ideate dall'artista emanano sontuosità e decadenza da opera noir attraverso orchestrazioni dal passo marziale intrise di classicismo e ricolme di modulazioni canore estremamente suggestive cantate dal mezzo soprano Anna Aliena, ella con Oliver Höhne interprete del progetto alien-pop chiamato ShirayasDream; un terzo elemento contribuisce, per quanto sporadicamente, alla realizzazione delle musiche di Verney 1826: lo strumentista Vakna Roek. Ripercorrendo le creazioni pubblicate dal protagonista, l'album "Nebelland" del 2009 e l'ep "Orpheus" si collocano formalmente quale debutto licenziato dalla Shinto Records, offrendo un repertorio comprendente sonorità in prevalenza darkwave, neoclassical, neofolk ed industrial, le stesse che condussero in seguito Verney al concepimento della tape release "Catonium (Archive I)", una raccolta di remixes rilasciata nel 2010 in tiratura limitatissima dalla Shelley Schellack nella quale il musicista architettò una tracklist di otto episodi parallela ad una seconda ideata dal polacco Project: N.A. una solo-platform di orientamento ambient-downtempo sperimentale. Un altro match assunse nel medesimo anno il titolo di "Anthem & Procession", album edito per la Shinto Records in cui Verney 1826 duellò con la formazione statunitense dei Phantoms Of The SS, duo consacrato ai generi neo-classical / noise / ambient, offrendo all'asscolto otto superbe interpretazioni tra le quali spiccava il brano "Extinguish, And Born", originato in combinazione con Scarlet Slipping proveniente dal progetto Dawn Wagner. "Sacrow" fu il penultimo full-lenght concepito nel 2011 ed affidato nuovamente alla Shinto Records, anticipante il nuovo "Silence Du Tombeau" ora in esame su Vox Empirea, un full-lenght davvero interessante, anch'esso stampato in quantità limited edition e che sigla il rientro di Verney 1826 nelle file della label Shelley Schellack. La line-up pensata per questa realizzazione allinea lo stesso Verney ai comparti di voce, intruments e samples, contemporaneamente alla vocalist Anna Aliena, Vakna Roek alle sezioni chitarristiche e Ivo designato al supporto vox / accordion. I testi, colti ed espressi con phatos, si arricchiscono ulteriormente mediante le citazioni di eminenti personaggi quali il poeta inglese John Clare, il grande romanziere Edgard Allan Poe, la poetessa inglese Emily Brontë, lo scrittore tedesco Erich Maria Remarque ed Albert Einstein, mentre i contenuti della tracklist toccano numerose combinazioni stilistiche tra le quali oscure rifrazioni di field-recordings, suoni ambientali, solenni liturgie neoclassical-oriented ed apocalittiche riletture del concetto neofolk. La prima delle quattordici tracce è "The Death Of Innocence", espressa sottoforma di una di dark-opera dal passo downtempo ed elettronicamente minimale, costruita da uno scarno filamento di drum-sequencing, aliti tastieristici, loops ed il canto sottilmente marziale di Verney...

http://www.voxempirea.com/it/rece2012it.php#v

Maxymox, Vox Empirea

New review of "Silence du Tombeau"

Dieses Projekt basiert auf Lionel Verney, welcher alle Texte schreibt, die Instrumente spielt, arrangiert und singt. Anna sowie Vakna sind jedoch für die Live-Umsetzung unentbehrlich. Geschichte lebend, erfahren ethereal und dark Ambient, Gothic, klassischer Dark Wave sowie Dark Folk eine einzigartige Symbiose. So lädt gleich der erste Song 'The Death of Innocence' des aktuellen Albums 'Silence du Tombeau' zum Abschweifen in ein Mysterium ein, welches es zu erforschen gilt. Anna Alienas Gesang im Song 'Sophia' ist im ersten Moment zwar gewöhnungsbedürftig, jedoch fügt er sich im Verlaufe des Stücks gut in Harmonien, Thematik sowie instrumentale Arrangements. 'Suum Cuique', der Titel entsprechend des Album-Mottos, wirkt aufgrund der verschiedenen Vocal-Einsätze unterschwellig aggressiv, 'Sympathy' wiederum positiver und durch den flotteren Beat tanzbar. Trotzdem schafft es Lionel in allen seinen Stücken eine düster mystische sowie geheimnisvolle und darüber hinaus Historik fühlende Grundstimmung aufrecht zu erhalten. Auf jeden Fall empfehlenswert.

Sandra A., Nachtaktiv Magazin 08 (2012)

Verney 1826
Verney 1826  (almost 3 years ago)

Danke für diese Rezension; leider haben sich ein paar sachliche Fehler eingeschlichen: So schreibt Lionel Verney NICHT alle Texte selbst und singt auch nicht alles selbst. Beispielsweise wurden die Texte, die Anna Aliena auf dem Album singt, von ihr selbst geschrieben: The Death Of Innocence, Sophia, Choralshore, Dorian.

New review of "Sacrow" @ : IKONEN :

Auf dem Debütalbum 'Nebelland' sowie kürzlich auf den Compilations 'Thanateros - Visions of Love & Death' und 'Beyond the Mirror of Time' hat sich das Berliner Neoklassik-Projekt Verney 1826 als konsequenter Vertreter einer erfreulich altmodischen (und letztlich zeitlosen) Gothic-Ästhetik etabliert, die in Zeiten von Futurepop und 'Dark Techno' selten geworden ist. Der Musik von Verney 1826 haftet eine fast stoische Ernsthaftigkeit an, die sich auch in der visuellen Gestaltung und Thematik reflektiert.

Benannt ist das neue Album nach der Kirche von Sacrow bei Potsdam, die jahrelang zum Grenzland der DDR zählte und der Öffentlichkeit unzugänglich war. Symbolisch steht sie für all jene vergessenen Orte, die Opfer von Diktatur und Willkürherrschaft wurden. Und mit ihnen ihre Bewohner. Das Thema Diktatur durchzieht das gesamte Album, sei es in Form von Samples ('Fahnenappell') oder Klagegesang ('Anne').

Insgesamt setzt Meiko Richert seinen eigenwilligen Stil fort, der Ambient und orchestrale Neoklassik mit Elementen des Neofolk und des sakralen Ethereal Gothic verbindet. Für den weiblichen Gesang hat er sich mit Anna Aliena die Sängerin von ShirayasDream geholt, die in klassischem Mezzosopran vier der Stücke intoniert. Dabei bleibt ihr Gesang sehr im Rahmen der klassischen Musikverortet, was gängige Gothic-Klischees zugleich vermeidet wie auch einigen Hörern gewöhnungsbedürftig erscheinen könnte. Zum gewählten Thema passt die Präsentation zumindest.

Gerade weil Verney 1826 die gängigen Genremuster vermeidet oder ungewöhnlich mischt, ist die Band ungewöhnlich und fast anachronistisch. Es verwundert kaum, dass die Musik auf einem amerikanischen Label erscheint, ist doch in Deutschland offenbar kein Platz mehr für Innovation und Irritation.

MaNic

New review of "Anthem & Procession" in italian magazine Dside

La Shinto Records, label con base a Minneapolis e specifica nell'area sperimentale di matrice indus/gothic/darkwave, licenzia questo split album con protagonisti il solo-project berlinese Verney 1826 e gli statunitensi Phantoms Of The SS, entrambi coinvolti in una duplice opera dallo sguardo tenebroso, solenne. Più nel dettaglio e secondo la mia interpretazione, Verney 1826 predilige strutture soniche composte da cineree gradazioni ambient-gothic sfumanti sia nel classicismo che nel folk-noir, mentre l'operato dei POTSS si rivela devoto ad un'opaca sperimentazione di gothicismo alternativo con l'utilizzo di un sottile apparato elettronico. In questo album Verney 1826 si avvale della diretta collaborazione dei The Method Learned, platform visual-lirica proveniente dal Michigan, guests che vanno ad aggiungersi alla vocalist Dan Wagner, alias Scarlet Slipping militante nella band ambient-gothic-shoegaze americana conosciuta come Trance To The Sun, e Gregory James Wyrick quale autore di ben sei dei testi presenti nella track-list. Verney 1826, attivo dagli albori degli anni 90's, esordì solo nel 2009 con il debut "Nebelland" seguito dal singolo "Orpheus", presenziando inoltre strategicamente presso un'estesa serie di compilations; all'artista è ora affidata la prima metà dell'album, "Anthem". E' quindi l'atmosfera liturgica di "Anthem I" ad aprire il percorso proponendo una song dalla silhouette emaciata composta da sussurri che scivolano nelle profondità di un gothic minimale edificato da una key calibrata con sotterranei toni organ-pianistici. L'incontro plurimo tra dark-ambient, nostalgiche sezioni folker-violinistiche ed una decadente forma vocale espressa per mezzo di Dan Wagner, erige le strutture di "Anthem II", seguita dalla torbida coralità di "Axis 1.295.20" intervallata da vocal-loops e proclami proferiti con severità. "Anthem III" esterna lente orchestrazioni dark-oriented e liriche cavernose, alleggerite durante lo sviluppo da un femmineo e fanciullesco apporto di chorus, mentre "Anthem IV" predilige grevi strutture di key-piano, mormorii echeggiati ed atmosfere tenebrose. "October Hail" dispensa dapprima immobilità ambient semi-assoluta, violata soltanto da glaciali aliti di vento e tocchi cristallini, attendendo la graduale ascesa di una coltre tastieristica e di chitarra screziata da ombrosi vocalizzi che a tratti assumono accenti crudeli. La fusione tra il registro di Verney 1826 e quello appartenente ai POTSS crea la fascinosa "Legion", traccia che recupera nuovamente distanti riverberi corali con un surreale crescendo di percussioni e keys. I dogmatici fraseggi inclusi nell'intro di "Extinguish, And Born" si estendono congiungendosi a quelli più celestiali vocalizzati da Scarlet Slipping e ad un nebuloso background di tastiera. ...

http://www.thedside.it/rece/rece049.asp#550

Review of the new album "Sacrow"

Dopo un paio di interessanti split rilasciati lo scorso anno (il bel CD in compagnia di Phantoms Of The S.S. "Anthem & Procession" e la limitatissima - sole 12 copie - cassetta "Catonium", condivisa in uno splendido package con Project : N.A.), finalmente il progetto tedesco ci regala il successore di "Nebelland", interessante album di debutto risalente all'estate del 2009. Il nuovo full-length, ancora una volta patrocinato dall'attenta Shinto Records, vede Meiko Richert rinnovare ed ampliare la collaborazione con Anna Aliena, eccelsa voce operistica del duo ShirayasDream, ormai integrata a tempo pieno nel progetto e stavolta coinvolta in quattro brani, laddove presenziò soltanto in due nel succitato debutto. Nella sua breve esistenza Verney 1826 si è distinto per una musicalità oscura e misteriosa, a cavallo fra pennellate sinfoniche, tentazioni marziali, synth eterei ed ariosi dal taglio darkwave, samples e finiture elettroniche: un suono difficile da classificare, e viceversa capace di catturare con estrema facilità l'indole più umbratile ed autunnale. Anna è subito sontuosa protagonista nell'opener "Anne", marziale e sinfonica, ma Meiko ama spaziare in tutti i meandri delle sonorità oscure, e un attimo dopo dei cori gregoriani spianano la strada al folk noir di "Ordo Fratrum Minorum". Gli episodi con Anna alla voce sono inevitabilmente quelli che più catturano l'attenzione: la singer si rivela davvero imponente nella drammatica "Farewell", per poi proporsi seducente nella mistica ed avvolgente "Alabastor", o ancora toccante nella dolorosa "Reckless Knight", spesso duettando con una ruvida voce maschile (con risultati che echeggiano i primissimi L'Âme Immortelle) e completando sempre a meraviglia il disegno di un fine compositore come Meiko. Le tinte fosche dominano in lungo e in largo ed i toni si fanno sempre più scuri, anche quando i cori sono angelici come quello di "Aedicula", oppure quando la ritualità di "Haven" prevale fra samples e fisarmonica; scenari da brown area si aprono con "Fahnenappell", fra battiti insistenti e musiche d'epoca campionate, laddove è la mestizia della melodia ad inebriare i sensi in "Fir On A Cliff", preludio alla drammaticità di una "Les Ombres, Celeste!" giocata su di un'arcigna cantilena, prima che l'incedere da requiem di "Sacrow V" chiuda i giochi fra rintocchi e samples di discorsi. L'ispirazione è palese, così come lo è la crescita evidenziata a livello di arrangiamenti e produzione: con "Sacrow" si aprono nuove frontiere per Verney 1826, act in ascesa che incarna con la giusta consistenza il significato della dicitura 'musica oscura', e che quindi merita la piena attenzione di coloro i quali nel suono cercano atmosfere e sensazioni ben precise.

Roberto Alessandro Filippozzi

http://www.darkroom-magazine.it/ita/105/Recensione.php?r=1966