x

You are using an outdated browser. Please upgrade your browser to improve your ReverbNation experience.

EGART / Press

“[...] trame che passano dal power al death, mostrando sempre una band carica e dal cuore metallico. 7.5/10”

“La scelta del gruppo di andare alla ricerca di una propria cifra stilistica, tentando un crossover, non tra generi diversi, ma tra i vari sottogeneri del metal, è sicuramente coraggiosa ed il tentativo di proporre qualcosa di diverso ed originale sembra riuscito. Who dares wins, chi osa vince.”

“[...]quello degli Egart è un lavoro calibrato, preciso, fuori dagli schemi classici ma comunque ottimamente impostato su una base death metal. Il sound viene arricchito con prelibatezze progressive, sfuriate demoniache e sprazzi di melodie decadenti ed oscure, perfettamente incastonate in un mosaico completo ed elegante.”

“una base prevalentemente death metal, elementi gothic, power e addirittura qualche passaggio che definirei quasi prog, il tutto accompagnato dalla voce di Stefano Muccio che passa dal pulito al growl a seconda del mood del momento”

“I nostri riescono ad inserire elementi di Death melodico all'interno di stanze di Gothic, Dark, Power, addirittura Progressive”

“sanno smuovere gli animi degli spettatori con il loro death metal progressivo di ottimo impatto live e con la grande presenza scenica del cantante Stefano Muccio”

“mi ha sorpreso soprattutto a livello compositivo presentandomi una band con una identità sonora molto forte. Gli Egart sono sicuramente un gruppo originale [...] hanno costruito un sound e uno stile compositivo personale e originale”

“la caratteristica migliore del prodotto, e cioè la sapiente vena melodica che arricchisce con bei risultati ogni canzone”

“siamo di fronte ad una proposta interessante per la novità nella insolita commistione sonora”

““De Termine Ordinis” con il suo Chaosmetal, così come lo definiscono gli Egart, per le sue diverse influenze musicali, è un CD originale proprio perché pieno di sottogeneri che conquistano l’ascoltatore che ha voglia di “esplorare”.”

“Rimane un'opera originale, diversa da quelle dei soliti gruppi italiani cloni di grandi bands, un'opera capace di trasmettere anche emozioni”

“Gruppo molto particolare, questi Egart.”

“Una bomba, la vera potenza della musica”