PULVIS ET UMBRA

Cremona, CR, IT
Metal / Death / Thrash
Play Songs »   Share Songs »   Visit Profile »


Hi there!!

Official release date for our upcoming debut album has been moved up to June 25 but in the meantime You can already pre-order Your copy at one at the following online shops:

 

RISING RECORDS shop

https://www.paypal.com/uk/cgi-bin/webscr?cmd=_flow&SESSION=onZlZ2qparjYn8fA1LRVEusfDa87Cre1exADa0mcL2sTROFTb7H8BZypXEy&dispatch=50a222a57771920b6a3d7b606239e4d529b525e0b7e69bf0224adecfb0124e9b61f737ba21b081989d37bd8af37ad97044704c4bc4311ce7

 


PLASTIC HEAD

http://www.plastichead.com/catalogue.asp?ex=backlist&target=PULVIS%20ET%20UMBRA

 

 

AMAZON

http://www.amazon.co.uk/Reaching-The-End-Pulvis-Umbra/dp/B007I0ORAO/ref=sr_1_13?s=music&ie=UTF8&qid=1336993898&sr=1-13

 

 

HMV

http://hmv.com/hmvweb/displayProductDetails.do?sku=631016

 

 

ON PAROLE

http://www.on-parole.com/shop/en/cd/35010-pulvis-et-umbra-reaching-the-end-cd.html

 

 

Feel free also to purchase direclty to us writing at pulvisetumbraofficial@gmail.com

We look forward to stay in touch with You friends/fans also on FB :-)

http://www.facebook.com/pages/Pulvis-Et-Umbra/205432726209586?sk=app_2405167945

 

cheerz and rocking wishes for a great week

PULVIS ET UMBRA crew

 



MUSIC STORES

 Official shop     


PRESS

"Implosion of Pain" is as dramatic and atmospheric as it is aggressive. Although I myself am not a connoisseur of Death metal, I did find that there were many interesting musical moments on this release. The opening track, "Lift Off" is primarily an intro for the second track, "Lost Moon". I found it unusual because it is a sound collage of audio samples and effects set to electronica. Not a single guitar note, and certainly not metal! Then "Lost Moon" kicks in with a pounding ferocity and some very cool little musical parts interjected throughout. That said, I'm not a huge fan of the vocal delivery here. I like to think that I'm pretty open minded to all styles of vocals. But I found that the wavering cadence of both the distorted and (barely audible) spoken vocal track were detracting from rather than complimenting the music. There's a lot of creativity happening on "Implosion of Pain" and that makes it an interesting album. There no shortage of talent here.  Richard Leggatt, HORROR METAL SOUNDS

"Il disco si apre con un'introduzione strumentale elettronica che ci lascia leggermente insospettiti, una serie di campionamenti si sussegue sostenendo dei parlati campionati che non ci danno modo di capire il genere su cui verterà il lavoro, la suspence si crea perfettamente prima dell'inizio, prima che "Lost Moon" parta diretta come un treno lanciandoci contro una sferzata che ha poco di death metal e fin troppo di metal core. Lo stile compositivo è tutto sommato dinamico e coinvolgente, ma a minare profondamente questo album sono i suoni adottati: l'estro creativo di Damy viene letteralmente smorzato da dei suoni troppo finti. E' solo la voce ad avere il giusto risalto lanciandosi sui nostri timpani come uno screaming ossessivo dal tratto decisamente metal core e che a sprazzi ricorda anche le voci malsane e vampiresche di Dani Filth. Le canzoni contenute in Implosion Of Pain fanno trasparire un musicista dotato e che merita tutto il rispetto che va riconosciuto ad una one man band"  Michele Alluigi, ALL AROUN METAL (ita)

"I quattro lombardi propongono un thrash/death dalle tinte -core estremamente moderno, che pur prendendo spunto dalla tradizione del Nord Europa, riesce a suonare abbastanza personale. Il combo non si limita infatti a seguire pedantemente le orme già tracciate da realtà ben più affermate, cercando di dare un'impronta più originale e personale alla propria musica. Per capire bene ciò di cui si parla, basta spingere il tasto play e lasciare scorrere i brani che compongono la tracklist. Le canzoni paiono ben articolate, estremamente dinamiche e dotate di arrangiamenti gradevoli quel tanto che basta a non annoiare. A rendere il tutto più divertente, ci pensano delle leggere venature thrash-core e groovy che conferiscono maggior freschezza alle composizioni. 'Reaching the End' è un album gradevole che riesce a regalare qualcosa in più di una semplice manciata di canzoni gradevoli. Qual'ora i Pulvis et Umbra decissero di aggiustare il tiro destare l'interesse di un pubblico ben pi"  Emanuele Calderone, TRUE METAL (ita)


LINKS

 Facebook       ReverbNation       Amazon       Facebook       Myspace     
Powered by FanReach